lunedì 19 febbraio 2018

Anteprima "Qualcosa in cui credere" di Enedhil

Torna Enedhil con un nuovo romanzo grazie a Triskell Edizioni: Qualcosa in cui credere sarà disponibile dal prossimo 27 Febbraio.
Nuovo giro, nuovo fantasy per l'autrice italiana già conosciuta per Catene di ametista (QUI).
Correte a sbirciare la trama e fatemi sapere cosa ne pensate!

Titolo: Qualcosa in cui credere
Autore: Enedhil
Data pubblicazione: 27 Febbraio 2018
Casa Editrice: Triskell Edizioni
Collana: Rainbow
Genere: M/M (Fantasy)
Prezzo: €5.99 (ebook) - 12 (cartaceo)
Pagine: 243
Dove comprarlo: Amazon

Quando il Parco Giochi sulla collina di Accession apre i cancelli, Fabien, il razionale e diffidente fabbro del villaggio, decide di darla vinta alla curiosità e di attraversare il confine che lo separa da quel mondo fatto di ingegnosi artifici. Sotto al tendone de “Il Giardino di Ghiaccio”, circondato da atmosfere innevate e gelide statue che sembrano vive, il giovane conosce Riw, un misterioso ragazzo che dice di essere l’Inverno e che scalda il cuore del fabbro con un fuoco ben diverso da quello a cui è abituato. 
A dieci anni da quell’incontro, spinto da sensazioni che non riesce più a controllare, Fabien ritorna ad Accession. Qui il suo bisogno di ritrovare quel giovane che sembrava padroneggiare la neve e il ghiaccio diventa più incalzante. Fabien vede ben presto esaudito quel desiderio, ma quando Riw gli chiede di seguirlo, rivelandogli una verità incredibile, si ritrova coinvolto in uno scontro dal quale dipende il destino del suo mondo. 
In un Tempo dominato da Stagioni ed Elementi, riuscirà Fabien ad ascoltare il proprio cuore e a trovare qualcosa in cui credere?


Siete curiosi? -

4 commenti:

  1. Grazie per la segnalazioneee <3 <3

    RispondiElimina
  2. La copertina è molto bella ed ero cosi entusiasta della trama fino a quando non ho dato un occhiata alla parte iniziale... A me sinceramente "Catene di ametista" non è piaciuto, un mondo governato da donne in cui la speranza scarseggia mi mette tristezza. Che il protagonista abbia fatto il soldato per anni e non abbia risparmi o altra possibilità è deprimente. Leggendo il finale, su cui è meglio stendere un velo pietoso, sono rimasta male perché la storia aveva del potenziale.
    Penso che per decidere se leggere il libro aspetterò pareri, molti pareri, e la certezza di un buon finale, anche se la copertina è una tentazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi dispiace che non ti sia piaciuto, io non l'ho letto perché non rientra nei "generi" che leggo di solito.
      Aspettiamo insieme qualche parere per questo ^^

      Elimina

I vostri commenti aiutano il blog a crescere e io adoro leggere i vostri pensieri!