martedì 16 febbraio 2016

Recensione "Una voce sommessa" di D.W. Marchwell

Buongiorno miei amati lettori, oggi vi propongo una delle mie recensioni "arretrate". 
Ho letto Una voce sommessa di D.W. Marchwell poco prima dell'uscita, ma per vari problemi riesco a scrivere il mio pensiero solo ora. Meglio tardi che mai, giusto?

Titolo: Una voce sommessa
Titolo originale: A still, small voice
Autore: D.W. Marchwell
Data pubblicazione: 26 Gennaio 2016
Casa Editrice: Dreamspinner Press
Traduzione: Ilaria D'Alimonte
Genere: M/M (Contemporaneo)
Formato: ebook
Prezzo: €6.40 - $6.99
Pagine: 180
Dove comprarlo: Amazon - Dreamspinner

Dopo che una denuncia per violenza sessuale da parte di una studentessa gli ha distrutto la reputazione, Noah Lowe ha dovuto lasciare il lavoro di insegnante che tanto amava. Il sistema scolastico, che avrebbe dovuto proteggerlo, e un ex, che avrebbe dovuto conoscerlo meglio di chiunque altro, hanno mandato in frantumi la sua fiducia in sé stesso, e ci sono voluti sei anni e un nuovo impiego perché Noah riuscisse a rimettere la propria vita in carreggiata. Adora il suo nuovo lavoro come programmatore informatico e nei fine settimana si esibisce come drag queen in un gay club insieme a Aiden, il suo migliore amico. È qui che incontra il timido e galante Oscar, proprietario del locale e probabile nuovo amore di Noah; ma tutto viene messo sottosopra quando una persona che credeva di non rivedere mai più si trasferisce proprio nell’appartamento accanto al suo. Per andare avanti e capire se Oscar è davvero l’uomo della sua vita, Noah dovrà affrontare le sue paure una volta per tutte e scoprire la verità sul suo doloroso passato…


Cosa ne penso...
La coscienza è quella piccola voce sommessa che a volte parla troppo forte per lasciarci davvero in pace. Bert Murray
Questa citazione mi è piaciuta molto ed è perfetta descrivere per la storia di cui ora vi parlerò.
Noah Lowe era un professore che amava profondamente il suo lavoro e al quale dedicava anima e corpo, ma il suo sogno andò in frantumi quando venne accusato di molestie su una sua alunna.
Il suo sogno più grande era stato quello di diventare un insegnante e per questo il suo spirito aveva dovuto muoversi entro i confini che il proprio lavoro gli imponeva. Non c'era nulla di straordinario in ciò che gli era successo: i giornali erano pieni di storie di insegnanti che andavano a letto con i propri studenti, che venivano dichiarati colpevoli di offese etiche o morali, o che avevano perfino perso qualunque senso della realtà ed erano diventati degli indesiderati nella professione che avano tanto amato. E adesso Noah sarebbe diventato uno di loro, sebbene non ne avesse alcuna colpa. Noah
Peccato che Noah sia gay al 100% e non abbia mai toccato uno studente, tanto meno una studentessa. La cosa che l'ha ferito ancor di più è che l'uomo che amava e che pensava lo ricambiasse l'ha tradito nel modo più terribile e per di più stava anche per sposare una donna. 
Fortunatamente le bugie hanno le gambe corte, la ragazza viene presto smascherata e Noah rilasciato, ma questa brutta esperienza l'ha segnato per sempre, non riuscirà a dimenticarsene tanto presto e l'uomo decide di cambiare vita.
Ritroviamo Noah sei anni dopo, ha una fruttuosa carriera da informatico e l'immancabile migliore amico Aiden sempre al suo fianco, con il quale si esibisce durante il tempo libero come drag queen in un locale. Tutto procede per il meglio, ora. Non è stato facile affrontare e superare il passato, ma Noah ha fatto passi da gigante e gli mancherebbe solo trovare l'amore.
Si sa, quando tutto va per il meglio, deve sempre arrivare qualcosa a rovinare la situazione, in questo caso sarà un nuovo inaspettato vicino di casa...
...Noah era stato il primo inquilino di quel palazzo ed era sempre toccato a lui il compito di dare il benvenuto - e l'addio - a ogni occupante. Non si aspettava, tuttavia di trovare un altro vicino giusto quella sera. (...) Noah si infilò un maglione, prese le chiavi e uscì, pronto a salutare e prestare soccorso, se necessario. «Ciao,» esordì, fermandosi vicino agli scatoloni e guardando un paio di gambe che salivano le scale, dato che il busto e la faccia della persona erano celati da quello che portava. (...) Quelle grandi mani lasciarono cadere a terra le scatole e finalmente apparve un viso sorridente, un viso che Noah riconobbe all'istante. C'erano anche dei baffi e una barba, ma era lo stesso volto che aveva creduto di non rivedere mai più. Noah
Così, come un uragano, il passato di Noah torna, in tutti i sensi, a bussare alla sua porta e l'uomo dovrà ancora una volta fare i conti con ciò che è successo sei anni prima. Ovviamente l'identità del vicino di casa rimarrà misteriosa, ma non ci vuole certo un genio per immaginare chi possa essere... 
Un piccolo sprazzo di colore nella sua vita giunge da Oscar, il proprietario del locale in cui Noah si esibisce. Anche lui ha un passato doloroso, ma è determinato più che mai a superarlo, ha notato già da un po' Noah e quando quest'ultimo finalmente si accorge di lui sembra un perfetto trampolino di lancio per una storia d'amore in piena regola.
«Oscar,» disse Noah, riavvicinandosi a lui, «a me dispiace solo di essere stato tanto scemo da non accorgermene prima...di non essere riuscito a vedere che tu eri proprio lì, davanti al mio naso.» Noah
I problemi non mancheranno...riuscirà la nuova coppia ad affrontarli, ma soprattutto riuscirà Noah a mettere la parola fine sul suo passato?
Quando ho letto la trama mi sono fatta un'idea della storia completamente diversa rispetto a ciò che ho trovato realmente nel libro. 
Sin dall'inizio mi sono convinta che Noah fosse destinato a tornare insieme a Paul, personaggio che ho detestato dal principio, e mi chiedevo come potessi finire la lettura sospettando ciò e soprattutto se questo si fosse avverato. Vi chiederete il perché di questi pensieri, semplice...nella prima parte del libro ci si concentra solo su Noah e Paul, sul loro passato, sui sentimenti del presente e così via. La vera svolta, ossia l'incontro con Oscar/"quando Noah apre gli occhi e lo nota davvero", avviene dopo un bel po'. Dopo questo momento ho tirato un sospiro di sollievo, anche se l'ansia non mi ha mollata per un bel pezzo, il fantasma di Paul è sempre presente e pesa parecchio.
Ripercorrere attraverso gli occhi di Noah ciò che ha dovuto subire, mi ha profondamente colpito. Ho provato ogni singola emozione descritta dal protagonista, ogni volta che leggo di comportamenti così assurdi da parte del genere umano rimango senza parole e iniziano a passarmi per la testa mille pensieri. Certo, stiamo parlando di un libro, ma queste cose accadono davvero nella realtà e forse anche di peggio. Il percorso che ha affrontato e gli obiettivi raggiunti in questi anni sono ammirevoli, stima assoluta per il "dito medio" che mostra continuamente verso quel viscido di Paul!
Oscar è un personaggio splendido e l'ho amato sin dall'inizio, grazie a lui Noah da una nuova possibilità all'amore e allo stesso tempo la da anche a se stesso
Noah e Oscar rappresentano l'uno per l'altro un nuovo inizio.
Non posso non fare un breve accenno a Aiden che rappresenta tutto ciò che l'amicizia dovrebbe essere. Nonostante abbia un caratterino molto particolare, resta sempre vicino all'amico nel bene e nel male. Sarebbe molto divertente leggere una storia a lui dedicata!
Quando la storia fila troppo liscia non mi convince del tutto, preferisco vedere magari qualche piccolo litigio, ma almeno la storia viene vissuta al 100%. Per questo motivo non ha apprezzato fino in fondo le vicende narrate in questo libro, certo si scoprono tutti gli altarini di quel babbeo di Paul, però per il resto non succede molto altro, è più orientato verso la "giustizia/vendetta" nei confronti di ciò che è stato e la storia d'amore passa in secondo piano.
Per quanto mi riguarda è stata una lettura piacevole che però non ha saputo incantarmi e trasmettermi forti sensazioni

Carino, ma manca qualcosa

Bollente

4 commenti:

  1. Ciao sono Ilaria, la traduttrice!
    Volevo ringraziarti per la recensione, sono contenta che tutto sommato il libro ti sia piaciuto.
    Alla prossima! ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma ciao! :)
      Figurati! Alla prossima *.*

      Elimina
  2. Allora oscar lo amo! E una cosa meravigliosa di lui!!!! Posso averne uno anch'io? Tornando a noi non mi è piaciuto molto.che non abbia approfondito.bene la storia della denuncia e come vada a finire la causa è tutto il resto....avrei voluto un po più di storia su quel lato che invece ha molto trascurato
    ....però è moooolto sexy come libro e molto hot *.*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oscar è adorabile :) Pensiero comune sul libro in generale...
      Certo se la storia non mi prende, il fatto che sia sexy etc passa decisamente in secondo piano, non è quello che cerco nei libri insomma!

      Elimina

I vostri commenti aiutano il blog a crescere e io adoro leggere i vostri pensieri!